Nel portabagagli  ho messo la borsa con le scarpe “ da camminare”, le chiavi di casa,  “quello che nel frigo non si mantiene” e si parte:  l’auto va da sola, le dico soltanto : ” Andiamo al mare”.
Sono 34 anni che non manco un colpo. Ci sono stati anni con frequenza più o meno assidua ma non si riesce a staccarsi dalla buona vecchia abitudine.
Chiedersi perché è inutile, negli anni ogni volta si scopre che li hanno aperto un bar o un chiosco in spiaggia, o, per essere equanimi, ha chiuso un negozio;  ci sono però sempre vecchie o nuove cose da fare ma ci si sente a casa.
Ecco,  questo è il vero motivo. E’ un posto pigro, un po’ abitudinario ma se si vuole camminare, andare in bici, leggersi il giornale da cima a fondo, finalmente senza affanno, non c’è di meglio.
A essere onesti sono pochini i motivi di svago e divertimento : un po’ sadicamente lascio la confusione ad altri posti vicini, mi godo la diga e le barche e se voglio gente e più vita la trovo nel giro di 20 km fino a  stancarmi.
E’ il posto dove ho visto una Chiesa nascere e essere sempre più bella e punto di riferimento.
Nel laghetto di Altanea sono nati 7 pulcini di una coppia di cigni. Salutarli e vederli crescere è una meraviglia ma anche alzare gli occhi e vedere le montagne nello sfondo.
Ho ritrovato anche i vecchi amici. Ci siamo sfidati : quest’anno ce la facciamo ad arrivare al porto di Eraclea? E certo! Ci arriveremo e saremo un po’ più stanchi ma come sempre contenti.
E’ la mia casa, la mia dimensione.

Antonia Rambelli

Related Posts

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *